i INFORMATIVA

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

X

LEGGE DI STABILITA' 2018: AUTO STORICHE NEL MIRINO?

Nuova stretta sugli oggetti da collezione

Voto medio:
Voto 5/5 basato su 1 voti

 

Le auto d’epoca hanno visto negli ultimi anni un forte calo delle quotazioni, dovuto soprattutto alla difficoltà di vendere determinati tipi di modelli. Ora, però, secondo alcune indiscrezioni emerse sulla prossima Legge di Stabilità, sembra che le cose potrebbero addirittura peggiorare.

Secondo quanto contenuto nel DDL, ora nelle mani del Senato, è possibile infatti che siano in arrivo nuove tasse sugli oggetti d’arte e da collezione. In particolare queste imposte andrebbero a colpire le plusvalenze sulla vendita o la cessione dell’oggetto in questione.

Questo significa che, al di là della situazione finanziaria personale, la tassazione riguarderà anche chi, trovandosi in una situazione di ristrettezze economiche, fosse costretto a vendere un bene ereditato o acquistato in precedenza.

Tuttavia, prima di trarre conclusioni affrettate, bisognerà capire se nella categoria di oggetti d’arte e da collezione rientreranno effettivamente anche le auto d’epoca. Non solo, data la genericità della terminologia usata dal legislatore, bisognerebbe individuare i parametri per valutare un’auto d’epoca come tale e come questi veicoli potrebbero essere distinti dalle semplici auto usate.

In ogni caso, qualora la norma dovesse entrare in vigore, il vero cambiamento riguarderà soprattutto la distinzione attualmente esistente fra operatore professionale e privato cittadino, che quindi verrebbe meno. Il privato infatti sarebbe considerato alla stregua di chi vende auto d’epoca per professione e i cui utili sono soggetti a imposizione fiscale.

E non finisce qui. La norma apre infatti una serie di interrogativi e tematiche che andranno approfondite. Fra questi la quantificazione delle plusvalenze che, qualora non si riuscisse ad attestarne il valore confrontando prezzo dell’acquistato e prezzo del venduto, sarebbe calcolata nell’ordine del 40% del prezzo di vendita.

Insomma per i collezionisti la speranza è che questi cambiamenti non entrino in vigore, in quanto rischierebbero di dare al settore delle auto storiche un ulteriore e definitivo colpo di grazia. D’altra parte, queste auto sono beni già sottoposti a tassazione sia al momento della vendita iniziale che nel corso della vita intera (bollo pagato per almeno 30 anni etc.). Tutto è ancora da vedere, pertanto possiamo solo attendere che venga fatta chiarezza in merito.

Pubblicato il: Ultima modifica: 23/11/2017 12:20:47 logo caraffinity.it Magazine: carAffinity
Tocca le stelle e vota l'articolo:

Magazine: gli articoli più letti
  • AUDI A6: ARRIVA L'OTTAVA GENERAZIONE

    AUDI A6: ARRIVA L'OTTAVA GENERAZIONE

    Nuove dotazioni e motorizzazioni per la berlina di lusso

    Cristina 18/04/2018 17:08:10

  • LE MIGLIORI AUTO PER DONNA: ECCO LA TOP 10

    LE MIGLIORI AUTO PER DONNA: ECCO LA TOP 10

    Tutti i modelli, dalle più piccole ai suv

    Cristina 12/04/2018 16:41:22

  • Maserati Levante Trofeo V8: potenza allo stato puro MASERATI LEVANTE TROFEO V8: POTENZA ALLO STATO PURO

    Maserati Levante Trofeo V8: potenza allo stato puro MASERATI LEVANTE TROFEO V8: POTENZA ALLO STATO PURO

    Maserati presenta il suo super Suv

    Cristina 19/04/2018 16:15:45

Valutazione online della tua auto
Gratuita e senza impegno.
Cosa pensano di noi?
  • “Davvero gran bel sito, facile e veloce!” Luca da Padova
  • “Ho venduto la mia auto su carAffinity, servizio davvero soddisfacente.” Matteo da Roma
  • “Ho provato a mettere in vendita la mia auto e in pochi giorni sono stato subito contattato.” Giacomo da Bari

Scarica
la nuova App:

Le migliori offerte della Community in anteprima!