LA NISSAN ANNUNCIA IL RITIRO DAL PROGRAMMA LMP1 NEL FIA WEC

La Nissan GT-R LM Nismo si ritira dal FIA WEC dopo un progetto fallimentare

Voto medio:
Voto 4,7/5 basato su 3 voti

Nel mese di maggio del 2014, la Nissan annunciò il suo approdo nella classe regina del Mondiale Endurance (LMP1), con una vettura rivoluzionaria: la GT-R LM Nismo. La vettura è dotata di un motore (anteriore) 3.0 biturbo V6 da 550 CV a trazione anteriore a 5 marce, con a supporto un sistema ibrido basato sul kers che sprigiona 750 CV, con cui viene recuperata l'energia in frenata grazie al volano elettromeccanico, con l'iscrizione alla sub-classe energetica di 2MJ. Ricordiamo che una LMP1 a motore anteriore non si vedeva sin dal 2003, con la Panoz LMP-1 Roadster-S.

I test iniziarono, in maniera segreta, nel novembre 2014 in Arizona, con la presentazione alla stampa prevista nel mese successivo ma, a causa di ritardi, la presentazione avvenne ufficialmente domenica 1 febbraio 2015, tramite uno spot pubblicitario durante l'intervallo del Super Bowl.

Per la 24 Ore di Le Mans, annunciarono tre vetture sulla griglia e due per l'intera stagione del FIA WEC. A poche settimane dall'inizio della stagione (con la 6 Ore di Silverstone di domenica 12 aprile), la squadra NISMO (NISsan MOtorsport) ritira le iscrizioni per le prime due gare (6 ore di Silverstone e 6 Ore di Spa), per non aver superato i crash test. Durante i continui test vengono rilevati dei problemi di natura ibrida.

La 24 Ore di Le Mans (disputata sabato 13 e domenica 14 giugno) si rivela un totale fallimento, anche se la maggior parte si aspettava dei risultati deludenti, ovvero tre ritiri.

Poche settimane dopo annunciarono il loro ritiro dalla stagione 2015, per concentrarsi appieno al 2016. Nei mesi estivi eseguirono dei test sul circuito di Austin (Circuit of the Americas) con una vettura completamente aggiornata.

Il 30 ottobre 2015, Darren Cox (direttore tecnico) si dimette, dopo essere stato 20 anni nella casa giapponese. Le sue dimissioni sono dovute al progetto LMP1, rivelatosi totalmente fallimentare. Il suo posto viene preso da Michael Carcamo che, poche settimane dopo, rivela che la vettura 2016 continua ad essere sviluppata da un gruppo di ingegneri che si divide tra Indianapolis e Tokyo.

L'ultima apparizione in pista della NissanGT-R LM Nismo LMP1 è datata 8 e 9 dicembre, quando al NOLA Motorsport Park vengono disputati due giorni di test riservata ai pneumatici.

Il 22 dicembre, viene annunciato il ritiro dal programma LMP1 nel FIA WEC, a causa di un progetto totalmente fallimentare, con una sola gara in attivo. Resterà da capire se sarà un ritiro definitivo oppure attenderanno il 2017 (anno in cui entreranno in vigore i nuovi regolamenti) per rientrare con una vettura completamente stravolta.

Pubblicato il: Ultima modifica: 29/12/2015 14:33:03 logo caraffinity.it Magazine: carAffinity