LINA: L'AUTO DIVENTA BIODEGRADABILE

La prima city car ecologica e sostenibile

Voto medio:
Voto 4,7/5 basato su 3 voti

 

Un’auto composta da materiali di origine vegetale. Chi lo avrebbe mai immaginato? Eppure un gruppo di studenti olandesi dell’Università di Tecnologia di Eindhoven ha lavorato proprio a questo progetto, realizzando la prima auto biodegradabile della storia.

Lina, questo il nome dell’auto rivoluzionaria, è infatti stata costruita con lino e barbabietola, ad eccezione di ruote e i sistemi di sospensione. In particolare la costruzione sfrutta una struttura composita all’avanguardia. Le lamine di biomateriale fatte coi derivati del lino sono tenute insieme da un’anima a nido d’ape prodotta con acido polilattico, una bioplastica ricavata da barbabietole da zucchero.

Il risultato è sorprendente in quanto il materiale è resistente ma al tempo stesso leggero, con un peso complessivo che arriva appena 310 kg. L’auto è elettrica e può accogliere quattro passeggeri, mentre è in grado di raggiungere la velocità massima di 80 km all’ora.

Insomma un veicolo pensato per gli spostamenti in città, sostenibile e tecnologico quanto basta. L’apertura e la chiusura dell’auto ad esempio non necessita di chiavi. Basta avvicinarsi alle portiere che, provviste di un sistema di riconoscimento del proprietario basato sul wireless, si aprono o chiudono automaticamente.

Proprio questa caratteristica è uno dei punti di forza di quest’auto, sul quale i costruttori intendono lavorare in modo tale da poter impiegare il veicolo e i servizi di car sharing.

Tuttavia il prototipo non è riuscito a ottenere le necessarie certificazioni dei crash test, in quanto il materiale non è deformabile. Il team di ricerca è però già al lavoro per trovare e provare nuove soluzioni. C’è anche da dire che, pur essendo un’auto sostenibile ed ecologica quasi al 100%, l’auto Lina prevede un notevole impiego di energia sia per le procedure di coltivazione (per ogni auto servirebbero circa 300 mq di terreno) che per la lavorazione tecnica.

Al tempo stesso, però, se c’è un forte impiego di risorse da un lato, dall’altro la coltivazione del lino potrebbe rappresentare un notevole beneficio per l’ambiente in quanto la pianta è capace di riassorbire l’anidride carbonica durante la sua crescita.

Non solo, come anche il team di ricercatori stesso si è augurato, il progetto potrebbe andare al di là del settore automotive e stimolare ulteriori studi e applicazioni. Ford intanto sta studiando la bioplastica per gli interni delle proprie auto, a partire dagli scarti di lavorazione dell’agave, o al bambù per la componentistica. E chissà che un giorno l’auto biodegradabile non diventi una reale alternativa per il mercato.

Pubblicato il: Ultima modifica: 16/02/2018 10:10:53 logo caraffinity.it Magazine: carAffinity
Tocca le stelle e vota l'articolo:

Magazine: gli articoli più letti
  • HYUNDAI SANTA FE HYBRID: ARRIVANO LE VERSIONE IBRIDE

    HYUNDAI SANTA FE HYBRID: ARRIVANO LE VERSIONE IBRIDE

    Le nuove propulsioni nella seconda metà del 2019

    Cristina 09/08/2018 19:23:43

  •  MIGLIORI AUTO CON CAMBIO AUTOMATICO: DALLE CITY CAR ALLE UTILITARIE

    MIGLIORI AUTO CON CAMBIO AUTOMATICO: DALLE CITY CAR ALLE UTILITARIE

    I migliori modelli e quelli più economici

    Cristina 10/04/2018 09:58:55

  • ROLLS ROYCE CULLINAN: IL LUSSO DELLA PERSONALIZZAZIONE

    ROLLS ROYCE CULLINAN: IL LUSSO DELLA PERSONALIZZAZIONE

    Il suv per chi non si accontenta

    Cristina 30/07/2018 12:44:54

Valutazione online della tua auto
Gratuita e senza impegno.
Cosa pensano di noi?
  • “Davvero gran bel sito, facile e veloce!” Luca da Padova
  • “Ho venduto la mia auto su carAffinity, servizio davvero soddisfacente.” Matteo da Roma
  • “Ho provato a mettere in vendita la mia auto e in pochi giorni sono stato subito contattato.” Giacomo da Bari

Scarica
la nuova App:

Le migliori offerte della Community in anteprima!