FCA POTREBBE ELIMINARE I DIESEL

L’indiscrezione del Financial Times non ancora confermata

Voto medio:
Voto 5/5 basato su 1 voti

 

Una volta era il carburante più diffuso in Europa. Promosso dalle case automobilistiche e dai governi perché meno inquinante della benzina, oggi il diesel sembra avere un futuro molto più incerto. Sì perché dopo lo scandalo del dieselgate e l’abbandono di Volkswagen e Toyota, anche FCA potrebbe aver imboccato questa strada.

Secondo alcune indiscrezioni riportare dal Financial Times, l’azienda sembrerebbe voler dire addio al diesel, lasciando questa motorizzazione soltanto a furgoni e furgoncini, ovvero mezzi di lavoro per cui il diesel rimarrebbe comunque il carburante migliore. Le ragioni starebbero nel calo della domanda da un lato, ma soprattutto nell’aumento dei costi di produzione dei motori a gasolio dall’altro. Gli standard d’emissione imposti dalle più recenti normative a livello europeo e americano hanno infatti reso sempre più onerosa la realizzazione di questo tipo di motori.

In particolare, secondo stime del settore, il costo per lo sviluppo di queste motorizzazioni sarebbe maggiore del 20% rispetto al passato, rendendo le auto a gasolio non più economicamente convenienti. E non solo: l’alimentazione diesel ha ormai subito un declassamento anche a causa dei valori molto elevati di sostanze nocive, come le temute polveri sottili, che provocano danni all’organismo delle persone e vengono emesse in quantità maggiore proprio dai motori a gasolio.

Al momento, tuttavia, FCA non ha ancora commentato quanto emerso, anche se potrebbe ufficializzare il tutto il prossimo 1 giugno, quando saranno resi noti i nuovi piani programmatici da qui al 2022. C’è anche da dire che, a differenza di aziende come Toyota, FCA non ha ancora pensato realmente a un’alternativa ibrida. Di conseguenza resta da vedere come potrebbe compensare le mancate vendite. Sempre secondo quanto riportato dal Financial Times, l’abbandono del diesel dovrebbe riguardare tutti i marchi di FCA, da Jeep a Ram, da Dodge a Chrysler, da Maserati ad Alfa Romeo e Fiat.

Tuttavia, bisogna considerare anche che, mentre lo scorso anno in Europa le vendite di diesel sono scese al 43% e quindi il calo è più evidente, in Italia la situazione è ben diversa. Nel nostro Paese, infatti, queste motorizzazioni continuano a mantenere una buona fetta di mercato, attestandosi al 56% del totale. Sarà quindi davvero interessante vedere l’impatto che questa eventuale decisione potrebbe avere sul mercato italiano.

Pubblicato il: Ultima modifica: 06/03/2018 14:42:46 logo caraffinity.it Magazine: carAffinity
Tocca le stelle e vota l'articolo:

Magazine: gli articoli più letti
  • NUOVA PEUGEOT 208

    NUOVA PEUGEOT 208

    Uno spettacolo l’i-Cockpit 3D

    Formula Motori 22/04/2020 09:41:32

  • NUOVA BMW SERIE 4

    NUOVA BMW SERIE 4

    Scopri la nuova versione della Coupé

    Formula Motori 13/05/2020 12:57:22

  • MERCEDES-BENZ EQV

    MERCEDES-BENZ EQV

    Con l’EQV, Mercedes-Benz fa sciogliere anche… neve e ghiaccio!

    Formula Motori 08/04/2020 12:38:40

Valutazione online della tua auto
Gratuita e senza impegno.
Cosa pensano di noi?
  • “Davvero gran bel sito, facile e veloce!” Luca da Padova
  • “Ho venduto la mia auto su carAffinity, servizio davvero soddisfacente.” Matteo da Roma
  • “Ho provato a mettere in vendita la mia auto e in pochi giorni sono stato subito contattato.” Giacomo da Bari

Scarica
la nuova App:

Le migliori offerte della Community in anteprima!