Caso Volkswagen: le emissioni truccate

Scoppia il caso Volkswagen che tocca 11 milioni di auto truccate

Voto medio:
Voto 2,7/5 basato su 6 voti


Un vero e proprio scandalo è piombato nella sede di Wolfsburg: Volkswagen ha dichiarato di aver falsificato le emissioni per i propri veicoli diesel negli Stati Uniti, facendo crollare il titolo in borsa del 18% e provocando la reazione dell’EPA (agenzia per la protezione ambientale statunitense) con una multa in arrivo di circa 18 miliardi di dollari. Questo è avvenuto proprio negli USA, dove Volkswagen stava intraprendendo un incremento di quota del proprio mercato.

Intanto a Washington hanno fatto sapere di aver aperto un’inchiesta penale. Per iniziare sono state ritirate già 500.000 vetture, per via dei dati forniti da un software che rileva il momento in cui l'auto è sottoposta al test controllando il sistema sulle emissioni, in particolare sui modelli Volkswagen e Audi a 4 cilindri. In poche parole le vetture inquinano di più rispetto a quanto riportato dai dati rilasciati dalla casa. L’amministratore delegato di Volkswagen, Martin Winterkorn, ammette:

"Mi scuso personalmente in tutti i modi, per aver perso la fiducia dei nostri clienti e del pubblico. Quanto accaduto ha per tutti noi del direttivo e per me personalmente la massima priorità. Una cosa, però, deve essere chiara, Volkswagen non tollera alcuna violazione delle regole o delle leggi e quindi farà tutto il possibile per recuperare la fiducia persa. Lavoriamo con le autorità in modo completo e per chiarire tutta la vicenda in modo rapido e trasparente".

Una presa di posizione forte e chiara da parte dell’AD del gruppo. Ora, dopo quanto successo negli Stati Uniti, si teme che il problema possa presentarsi anche su modelli venduti nel vecchio continente. Proprio nella giornata di oggi la Francia ha chiesto di far eseguire un’inchiesta a riguardo, proprio per verificare se i modelli venduti in Europa possano aver subito la falsificazione delle emissioni come negli Stati Uniti. 

In Italia, il ministro dell’ambiente Gianluca Galletti, ha chiesto a Volkswagen Italia delle rassicurazioni. Non solo in Europa, ma anche da Seul hanno chiesto la verifica di tre modelli diesel del gruppo Volkswagen, ovvero la classica Golf, Jetta e Audi A3, con conseguente richiamo una volta finite le indagini. Proprio in questi giorni il gruppo sarà convocato ad una riunione straordinaria durante la quale l’argomento da affrontare sarà il tema delle centraline manomesse.

Pubblicato il: Ultima modifica: 22/09/2015 15:00:23 logo caraffinity.it Magazine: carAffinity