Volvo XC90: la mia esperienza di guida

Il SUV Volvo XC90 trasmette ancora sensazione di robustezza

Voto medio:
Voto 5/5 basato su 2 voti


Volvo XC90
è il primo modello SUV prodotto da Volvo negli anni di gloria in cui questo tipo di vettura conquistava tutti i mercati soprattutto in Europa. Il modello nacque nel 2002 e io ho provato una delle prime versioni che montava il vecchio diesel D5. Oggi, questa vettura usata con 10 anni di vita e 180.000 km (target di riferimento) viene valutata circa 5.000 €.

 

Impressioni di guida

Il 5 cilindri common rail spingeva forte questa Volvo XC90 grazie ai 120kw/163 CV di potenza massima soprattutto grazie alla coppia di 340Nm a 1750giri/min, necessaria per far muovere gli oltre 22 quintali di stazza. L’auto l’ho trovata piuttosto briosa soprattutto in accelerazione, della massa di quasi 2.260 kg in condizioni di prova. Buona parte del merito andava alla trasmissione, supportata dalla tecnologia Geartronic di Volvo accoppiata alla trazione integrale inseribile.

Al contrario invece, non mi sono piaciuti alcuni aspetti dell’auto tra cui: i rapporti del cambio fin troppo lunghi, le sospensioni troppo morbide, l'insonorizzazione dell'abitacolo che seppur ben studiata non era abbastanza per abbattere l’effetto sorround del 5 cilindri. Ciò che in assoluto mi ha colpito di più? Confort e dotazione di sicurezza. Appagante la sensazione di qualità che si percepiva dentro e fuori grazie a materiali che all’epoca erano tra i più moderni (come l'alluminio impiegato per gli inserti) e pregevoli ma che al contempo trasmettevano una sensazione di grande robustezza.

Pubblicato il: Ultima modifica: 03/08/2015 17:21:49 logo caraffinity.it Magazine: carAffinity