Lotus Elite 111S: divertimento ed egoncentrismo

Alla guida di una Lotus Elite 111S non si passa di certo inosservati

Voto medio:
Voto 4/5 basato su 3 voti


Lotus Elise è un'auto pazzesca. E' capace di fare girare la gente lasciandola a bocca aperta, in molti anche perchè probabilmente colpiti dalle forme di una macchina 'non comune', decisamente votata alle corse, e di fuggire poi in un modo talmente veloce e sgusciante, quasi come una star assalita dai paparazzi. Ho provato questa vettura di casa Lotus in svariati contesti: cittadino, autostradale e persino pista, quindi posso essere un benchmark di sicuro attendibile per chi volesse avere un'opinione sulla sensazione che si prova a stare nell'abitacolo di questo bolide. Partiamo con la parte più divertente: la pista.

Questa macchina nasce per stare in questo ambiente, è il suo habitat naturale. Il telaio monoscocca in alluminio ed il motore centrale garantiscono un handlig ed una tenuta di strada perfette, a maggior ragione con un assetto rivisto ed ancora più schiacciato a terra. Muoversi tra le curve è qualcosa di stupefacente a bordo di Lotus Elise e se non sbagli il punto di corda sei sicuro di essere la lepre del gruppo. Il difetto: la velocità di punta. Un rettilineo come quello di Monza risulta essere infinito, e l'essere superato da una Subaru Impreza, con tutto il rispetto per quella gran auto è un po' demotivamente.

Consiglio: andate al Nurburgring e divertitevi a ciondolare tra le innumerevoli curve e ne sarete più che soddisfatti e sicuramente se verrete superati sarà per merito di un gran manico o almeno di una Mercedes SLS.In autostrada è frustrante: il motore non ha mai marce di riposo, sei sempre in tensione e la guida non è per nulla rilassante. Se poi dovesse arrivare la coda sarete costretti a mangiarvi i gas di scarico di tutte le altre macchine. Quindi...chiudetevi dentro accendete il clima e sperate che la coda passi in fretta, altrimenti il calore del motore alle vostre spalle rischierà di annullare la temperatura che avete ricreato. 

Altra cosa se dovete ovviamente affrontare una gita fuori porta: il tutto cambia ed il sorriso sulle vostre labbra sarà stampato... Ovviamente solo se il vostro week end sarà dedicato a scorrazzare, scordatevi di caricare due valigie! In città invece potrebbe essere definita una SmartIse, piccola, compatta, agile e scattante... Se non fosse per la seduta troppo bassa che oltre a farvi mangiare i fumi del traffico non vi permette certo di scendere agilmente e di mantenervi la camicia in piega prima di un importante incontro di lavoro, ma...di sicuro non passerete inosservati ed ai semafori strapperete sorrisi ed occhiatine!

Pubblicato il: Ultima modifica: 13/08/2015 18:09:10 logo caraffinity.it Magazine: carAffinity