i INFORMATIVA

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

X

My carAffinity:

Login | Registrati

Raduno Ferrari - Scuderia Ferrari Club Erba

Molte le vetture in mostra al raduno Ferrari tenutosi a Cremella (LC)

Voto medio:
Voto 4,5/5 basato su 2 voti
Raduno Ferrari - Scuderia Ferrari Club Erba

Domenica 20 luglio 2014 mi sono imbattuto in un raduno Ferrari nei pressi di un piccolo paesino della Brianza, Cremella, in provincia di Lecco. Ero lì per altri motivi ma attratto dall'inimitabile sound Ferrari ho deciso di fermarmi per capire cosa stesse succedendo. Ho scoperto che si trattatava di un simpatico raduno organizzato della Scuderia Ferrari Club Erba. Mi sono avvicinato alle auto presenti e ho iniziato a fotografarle, anche perchè in alcuni casi si trattava davvero di pezzi che hanno fatto la storia delle quattro ruote. Ecco l'elenco delle auto viste ed alcuni interessanti dettagli riguardanti i modelli che ho potuto fotografare:

Dino 246 GT (1969): è l’evoluzione della Dino 206 GT, con un motore V6 di cilindrata maggiore e un passo allungato di 60 mm. Il design della vettura è praticamente invariato ad eccezione di modifiche marginali riguardanti il cofano motore, più allungato e il riposizionamento del tappo del serbatoio. La macchina riscosse un notevole successo commerciale, tanto che ne furono prodotte ben tre serie.

Motore: posteriore, trasversale, 6V 65°
Cilindrata totale: 2419,20 cc
Potenza massima: 143 kW (195 CV) a 7600 giri/min
Velocità massima: 235 km/h
Accelerazione 0-100 km/h: 26,8 s

308 GTB Quattrovalvole (1982): la transizione dai carburatori all’iniezione e le leggi anti inquinamento del tempo avevano sensibilmente ridotto la potenza della 308 GTBi rispetto alla precedente 308 GTB. Gli studi avviati per ovviare all’inconveniente indicarono le quattro valvole per cilindro come soluzione ottimale. Con questa innovazione il motore ritrovò i cavalli perduti e la vettura tornò ad essere il riferimento nella sua categoria.

Motore: posteriore, trasversale, 8V 90°
Cilindrata totale: 2926,90 cc
Potenza massima: 176 kW (240 CV) a 7000 giri/min
Velocità massima: 255 km/h
Accelerazione 0-100 km/h: 6,2 s

GTB Turbo (1986): il modello venne realizzato per evitare la pesante tassazione che il mercato italiano poneva sulle vetture con cilindrata superiore ai 2.000 cc. Venne così partorita questa vettura, affiancata dalla variante con tettuccio rimovibile GTS Turbo, che ha rappresentato la massima espressione delle Ferrari a due posti con motore V8 trasversale sovralimentato. Sulla scorta delle esperienze vissute in Formula 1 infatti, il motore fu oggetto di ulteriori studi, portando a soddisfacenti risultati: la potenza specifica raggiunse il valore record di 127 cavalli/litro, la coppia massima incrementò il suo valore ad un regime di giri più basso e la guidabilità fu notevolmente migliorata.

Motore: posteriore, trasversale, 8V 90°
Cilindrata totale: 1990,64 cc
Potenza massima: 187 kW (254 CV) a 6500 giri/min
Velocità massima: 255 km/h
Accelerazione 0-100 km/h: 6,3 s

348 GTS (1993): vettura convertibile a due posti con caratteristiche uguali alla 348 GTB. Ha la possibilità di offrire la doppia configurazione aperta/chiusa secondo uno schema ormai classico per Ferrari, con il tettuccio rigido che trova posto nello spazio disponibile dietro i sedili. Il disegno della porta la firma di Pininfarina e l’aerodinamica, particolarmente curata per l’impiego ad elevate velocità, è stata studiata a fondo per evitare effetti secondari a vettura aperta.

Motore: posteriore, longitudinale, 8V 90°
Cilindrata totale: 3404,70 cc
Potenza massima: 235 kW (320 CV) a 7200 giri/min
Velocità massima: oltre 280 km/h
Accelerazione 0-100 km/h: 5,4 s

360 Modena (1999): questa macchina ha inaugurato l’inizio di un nuovo corso, nascendo senza vincoli progettuali con una linea inedita e contenuti tecnologicamente innovativi che anticipano i trend dei modelli successivi. Altro primato è poi dato dal fatto che è stata la prima Ferrari stradale ad offrire un telaio monoscocca completamente in alluminio, sviluppato in stretta collaborazione con Alcoa.Motore: posteriore, longitudinale, 8V 90°

Cilindrata totale: 3586,20 cc
Potenza massima: 294 kW (400 CV) a 8500 giri/min
Velocità massima: oltre 295 km/h
Accelerazione 0-100 km/h: 4,5 s
Ciclo Urbano ECE (Versione "Euro 2"): 28,0 l/100 km
Ciclo Extraurbano EUDC (Versione "Euro 2"): 12,0 l/100 km
Consumo Combinato ECE+EUDC (Versione "Euro 2"): 17,9 l/100 km
Emissioni CO2 Combinato (Versione "Euro 2"): 415 g/km

456 GTA (1996): Versione automatica della 456 GT venne creata come modello opzionale della 400 automatica del 1976, il cambio automatico infatti era all’epoca molto popolare e richiesto dal mercato nord americano e del Pacifico. Il sistema elettronico di gestione del cambio a 4 velocità si adatta automaticamente ai diversi stili di guida, mentre il layout unico e la distribuzione del peso ideale del modello GT (assieme ad un convertitore di coppia innovativo), garantiscono accelerazione e velocità praticamente identici a quelli della versione manuale. 
Il design porta anche in questo caso la firma di Pininfarina ed è stato accompagnato da un progetto concepito attorno allo schema meccanico dato dal motore anteriore e dal gruppo cambio-differenziale posteriore.

Motore: anteriore, longitudinale, 12V 65°
Cilindrata totale: 5473,91 cc
Potenza massima: 325 kW (442 CV) a 6250 giri/min
Velocità massima: oltre 298 km/h
Accelerazione 0-100 km/h: 5,5 s

F430 (2004): con questo modello nasce una nuova generazione a 8 cilindri, sviluppata attraverso la preziosa esperienza della Gestione Sportiva Ferrari. Ne risulta un progetto innovativo, grazie a tecnologie reinterpretate per un uso stradale sportivo. Le più importanti sono il differenziale a controllo elettronico, studiato per le monoposto di Formula 1 e il ‘manettino’, il comando sul volante che permette al pilota di agire rapidamente sui sistemi che governano il veicolo. La linea, disegnata da Pininfarina, nasce proprio dagli eccezionali contenuti tecnici racchiusi nella vettura e tutti gli elementi stilistici sottolineano l’aggressività e le prestazioni di questo modello. In grande evidenza il frontale, caratterizzato da due prese d’aria di forma ellittica che alimentano i grandi radiatori chiamati a smaltire l’elevata potenza del motore.

Motore: posteriore, longitudinale, 8V-90°
Cilindrata totale: 4308 cc
Potenza massima: 360,3 kW (490 CV) a 8500 giri/min
Velocità massima: oltre 315 km/h
Accelerazione 0-100 km/h: 4,0 s 
Consumo Combinato: 15.2 l/100 km

Pubblicato il: Ultima modifica: 12/06/2015 10:15:30 logo caraffinity.it Magazine: carAffinity
Tocca le stelle e vota l'articolo:

Magazine: gli articoli più letti
  • SCATOLA NERA OBBLIGATORIA SULLE AUTO: ECCO LE NEWS

    SCATOLA NERA OBBLIGATORIA SULLE AUTO: ECCO LE NEWS

    Sbloccato l'iter legislativo riguardo l'installazione della scatola nera

    Cristina 20/07/2017 10:50:39

  • Jeep Wrangler o Land Rover Defender?

    Jeep Wrangler o Land Rover Defender?

    Il confronto tra le classiche 4x4 Jeep Wrangler e Land Rover Defender

    Riccardo 08/04/2014 17:10:16

  • Fiat 500 5 porte sarà l'erede della Punto

    Fiat 500 5 porte sarà l'erede della Punto

    Con Fiat 500 5 porte la casa torinese punta a riconfermare il successo del precedente modello

    Matteo Milani 27/04/2015 14:10:01

Registrati anche tu
su carAffinity, la prima
community automotive
Mantieniti aggiornato sul Mondo Auto.
Trova e vendi in pochi click!
Cosa pensano di noi?
  • “Davvero gran bel sito, facile e veloce!” Luca da Padova
  • “Ho venduto la mia auto su carAffinity, servizio davvero soddisfacente.” Matteo da Roma
  • “Ho provato a mettere in vendita la mia auto e in pochi giorni sono stato subito contattato.” Giacomo da Bari

Scarica
la nuova App:

Le migliori offerte della Community in anteprima!