i INFORMATIVA

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

X

Alfa Romeo 8C Competizione

Più che un'auto. Un'opera d'arte...

Voto medio:
Voto 5/5 basato su 2 voti
  • Alfa Romeo 8C Competizione
  • Alfa Romeo 8C Competizione
  • Alfa Romeo 8C Competizione
  • Alfa Romeo 8C Competizione

E’ una fredda mattina di novembre è l’ora che lampeggia sul display è troppo allucinante per poter essere ripetuta qui. Era anche peggio quando ho accarezzato le linee dell’ultima creazione del Biscione, che per un fortunato caso del destino sarà la mia compagna di viaggio per i prossimi tre anni.

 

Possono dire quello che vogliono su quest’auto e magari in un certo senso avranno anche ragione, non sarà certo la più pura delle Alfa, ma in fondo nel cuore della Giulietta c’è ancora quel battito che da sempre mi provoca brividi di piacere. Sono partito all’alba per andare a visitare un cliente e mi sto godendo una strada sulle colline, magnificamente deserta che sembra fatta tutta per me.

 

Non sono solo però. Si sta avvicinando, lo sento arrivare alle mie spalle con un rombo cupo e sexy che per qualche ragione suona famigliare. Solo due curve ed eccola comparire, un lampo rosso nello specchietto. Quasi non posso credere a quello che vedo, sono talmente stupito che alzo il piede e lei mi passa ringhiando di piacere sverniciandomi la fiancata.

 

Una 8C Competizione! Oh dio che culo meraviglioso, avessi mai trovato qualcosa di simile in una donna. L’uomo ha davvero superato l’opera di Dio?

 

Vediamo. Il pilota di questa meraviglia non sta veramente dando fondo, proviamo a stimolarlo un po. Scalo una marcia e imposto il DNA su dynamic e poi di nuovo giù tutto. Ci saranno circa 300 cavalli in meno sotto il mio cofano, ma su queste stradine strette e con il fondo viscido per la brina la mia trazione anteriore mi permette di avvicinarmi. Forse non mi ha visto... beh diamogli una svegliata!

 

Una sfanalata di fari allo Xeno ed ecco che ho attirato l’attenzione. Sarà solo una mia fantasia, perché impossibile vedere qualcosa attraverso il piccolissimo lunotto posteriore, ma giurerei che chi sta alla guida mi ha fatto un cenno, come dire che ha capito.

 

Esce dalla curva successiva e apre il gas. Signore, fulminami sul posto! La 8C si mette di traverso, sollevando una nube di foglie secche contro uno sfondo di alberi scheletrici spogliati dall’inverno imminente. Sarebbe una bella foto, ma la mia attenzione è tutta per lei.

 

Il rombo del motore è come una sinfonia. Ho sentito dire che i tecnici dell’Alfa hanno lavorato dei mesi per riuscire a ottenere quel sound. Tempo ben speso, lasciate che vi dica. Questo è il canto di una vera Alfa, ho un attacco di nostalgia al ricordo della mia vecchia Giulia Super. Le note del suo semplice 4 cilindi in linea con doppi carburatori Weber doppio corpo erano un balsamo per il cuore e per l’anima e la 8C canta allo stesso modo, proprio come quando a Milano si costruivano le più belle auto del mondo.

 

La bambina è ancora di traverso, il pilota la rimette dritta appena in tempo per infilarsi nella prossima curva, quasi riesco a non perdere terreno. Allargo, pesto duro sui freni e giro lo sterzo di scatto per ridurre il sottosterzo. L’elettronica fa il resto e mi mette in traiettoria con una piacevole quanto fasulla scodata. Eccola lì di nuovo.

 

Le grandi ruote posteriori stanno fumando in un sovrasterzo esagerato. E’ proprio una piccola ribelle quella fanciulla. Chiunque sia alla guida deve essere in gamba, si vede che sta facendo una fatica del diavolo a tenerla in strada. Cavolo, riesco a starle dietro per tutto il percorso misto, mentre mi ricordo la sua storia.

 

Presentata nel 2003 al salone di Francoforte, quando era poco più di un guscio vuoto con le ruote. Me ne innamorai subito. C’era tutta la storia dell’Alfa Romeo in quel mock up. Il nome richiamava alle grandi vincitrici delle Mille Miglia e di Le Mans, auto guidate da gente come Nuvolari e Fangio dagli anni ’30 agli anni ’50. L’aspetto è simile alla meravigliosa Alfa 33 stradale del 1967, un auto che potrebbe dare del filo da torcere a molte sportive moderne, sovraccariche di inutile elettronica.

 

Ci vorranno altri quattro anni per vedere messa su strada quell’opera d’arte. Un’edizione limitata a 500 esemplari e, credeteci o no, erano già tutte prenotate quando ancora nessuno aveva una minima idea di che cosa ci sarebbe stato sotto quel cofano. Quattro anni per sapere che lì sotto ci sarebbe stato un 8 cilindri (ovviamente) di derivazione Maserati da 4.7 litri che eroga 450 CV. Cambio al volante, in arrivo da mamma Ferrari ovviamente e un tocco di classe, cambio translaxle, come sulle Alfa di un tempo.

 

Centosessantacinquemila euro. Si avete letto bene 165.000 e un piccolo gruppo di 500 fortunati che hanno avuto le palle per firmare quel pesante assegno. Una cifra importante per comprare a scatola chiusa. Beh, sapete cosa potrebbero chiedere se per assurdo volessero rivenderla? Quasi il doppio!!! Ne ho vista una nel mio vecchio concessionario Alfa offerta a 290.000 €. 

 

Beh è quello che succede alle vere opere d’arte.

 

Non è la più veloce? Non è la migliore su strada? Che importa, è certamente la più bella, come disse Jeremy Clarkson di Top Gear provandola.

 

In un epoca in cui tutte le auto sembrano uguali e perfino le supercar hanno perso il fascino di un tempo, la 8C Competizione passerà alla storia e quando nessuno si ricorderà delle 430 o 458 o delle Gallardo. Quando le Aston oggi sembreranno vecchie messe a fianco delle loro più giovani sorelle, la 8C sarà ancora lì a lasciarci tutti a bocca aperta. Elegante e magnifica, un capolavoro.

 

Ecco, la strada si allarga e finalmente la 8C può scatenare tutta la sua potenza e sparisce dalla mia vista all’orizzonte, come i sogni svaniscono all’alba.

Pubblicato il: Ultima modifica: 02/08/2013 04:10:01 logo caraffinity.it Magazine: carAffinity
Tocca le stelle e vota l'articolo:
Magazine: gli articoli più letti
  • AUTO DIESEL VS AUTO BENZINA

    AUTO DIESEL VS AUTO BENZINA

    I 7 punti chiave per capire quale delle due alimentazioni è perfetta per te

    Ex Blogger Car Affinity 21/10/2016 10:36:22

  • Volkswagen Caddy: ideale per il tempo libero

    Volkswagen Caddy: ideale per il tempo libero

    Cinque motorizzazioni con diversa potenza per Volkswagen Caddy

    Maria 28/10/2013 01:10:01

  • Audi A3 vs BMW Serie 1 vs Mercedes Classe A vs Volkswagen Golf

    Audi A3 vs BMW Serie 1 vs Mercedes Classe A vs Volkswagen Golf

    Il confronto tra quattro classiche vetture protagoniste sulle nostre strade

    Fabrizio 21/07/2015 09:56:55

Registrati anche tu
su carAffinity, la prima
community automotive
Mantieniti aggiornato sul Mondo Auto.
Trova e vendi in pochi click!
Cosa pensano di noi?
  • “Davvero gran bel sito, facile e veloce!” Luca da Padova
  • “Ho venduto la mia auto su carAffinity, servizio davvero soddisfacente.” Matteo da Roma
  • “Ho provato a mettere in vendita la mia auto e in pochi giorni sono stato subito contattato.” Giacomo da Bari

Scarica
la nuova App:

Le migliori offerte della Community in anteprima!