Ford Fiesta: utilitaria in stile Aston Martin

Le evoluzioni e le versioni della classica Ford Fiesta

Voto medio:
Voto 4,2/5 basato su 6 voti


Le origini di Ford Fiesta sono quasi antiche. Era il 1976 e l’allora presidente del colosso americano Ford, Hanry Ford II, decise che era ora di lanciare sul mercato un’auto compatta, che andasse a competere con le utilitarie VW golf, Opel Kadett city e Fiat 127. L’idea era quella di installare una fabbrica in Spagna e iniziare a produrre quest’auto destinata al mercato europeo (in quegli anni, le percezione di auto piccola per un normale americano era assai discutibile).

Ford Fiesta si è cosi evoluta in numerose versioni e motorizzazioni fino ad arrivare ai giorni nostri. La nuova Fiesta, lanciata sul mercato nel 2008, ha subito un notevole restyling che la rende più grintosa e muscolosa. Guardando il frontale, soprattutto per quanto riguarda la griglia, si può notare l’inconfondibile somiglianza con un’elegante Aston Martin. Lo stesso agente 007 potrebbe comprarla e lasciarla a qualche sua “Bond girl” per qualche missione al supermercato.

Le modifiche hanno riguardato anche i paraurti, qualche nervatura in più sul cofano e i gruppi ottici, rimodellati parzialmente per garantire un’immagine più cattiva della piccola di casa Ford. Per quanto riguarda gli interni, pochi interventi sono stati effettuati. La nuova Fiesta sarà disponibile con l’inedito 1.0 ecoboost sovralimentato, un benzina che promette i consumi più bassi nel segmento e un nuovo 1.5 dci a gasolio. Per quanto riguarda i prezzi, non esistono ancora dati ufficiali, però saranno allineati con la vecchia versione (11.750 euro per la base).

Pubblicato il: Ultima modifica: 28/09/2015 15:40:09 logo caraffinity.it Magazine: carAffinity